Il Gruppo d’intervento giuridico internazionale (GIGI -CRED)

  • preso atto delle prossime elezioni politiche previste in una serie di Paesi latinoamericani (Bolivia, Venezuela, Ecuador, Nicaragua) e del referendum costituzionale che avrà luogo in Cile il 25 ottobre
    -seriamente preoccupato per una serie di dichiarazioni promananti da esponenti dell’Amministrazione Trump e in particolare dal Segretario di Stato Pompeo, nonché da esponenti locali fortemente legati a tale Amministrazione, che propugnano in modo sfacciato il boicottaggio delle elezioni democratiche, consapevoli evidentemente della storica sconfitta che le attende
  • venuto in particolare a conoscenza di piani precisi volti a cancellare la probabile vittoria del Movimento Al Socialismo alle elezioni presidenziali del 18 ottobre mediante un nuovo colpo di Stato dopo quello di un anno fa circa che destituì illegittimamente il presidente Morales, e a scatenare il caos e la destabilizzazione in Venezuela in vista di quelle politiche del 6 dicembre
    CHIEDE
  • alla comunità internazionale di vigilare, anche mediante l’invio di delegazioni di osservatori elettorali indipendenti, affinché tutti questi appuntamenti elettorali possano svolgersi in modo pacifico, consentendo ai popoli di esprimere liberamente le loro decisioni.
  • Analogo invito rivolgiamo rispetto alle elezioni presidenziali statunitensi, uno dei cui candidati in lizza, il presidente uscente Donald Trump, ha annunciato in modo sconcertante che non si atterrà a un eventuale risultato per lui negativo, ritenendolo frutto di “brogli”.

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.